Sfatation 2

Non mi piaceva “Sfatiamo un po’ di miti 2″, pareva il titolo di una fiction tipo Elisa di Rivombrosa. Oddio, brividi.

Prima di andare in vacanza (da intendersi:prima di chiudere baracca e passare al livello “Only Divano”), vorrei sfatare un’altra manciata di miti, ma stavolta sono miti che bivaccano tra chi soffre di Emetofobia.

Leggere attentamente le modalità d’uso di questo post prima di continuare.
Se siete particolarmente foboassorbenti, evitate di leggere quanto segue, altrimenti a fine post avrete bisogno del defibrillatore per riprendervi dallo spavento e io di un buon avvocato per difendermi dall’accusa di terrorismo psicologico. :D

Cominciamo.

Sono emetofobico, ergo non vomito

“Ho letto che essendo emetofobico sono automaticamente immune dal vomitare: che sollievo!”

Ebbene sì, c’è chi ha scritto questa cosa.
Ebbene sì, gli ho dato dello scemo.
Ebbene sì, m’ha detto che sono bastarda.
Ebbene sì, ha ragione, lo sono, ma ho ragione anche io, lo è. Scemo.

Sfatiamo: ebbene no, non siamo vomitifughi.
Non so chi abbia sgabbiato questa boiata, non mi importa, ma chi soffre di Emetofobia può vomitare e, credetemi, vomita. C’è chi ogni inverno ha l’appuntamento fisso con l’influenza gastrointestinale e passa nottate intere a farsi le coccole con il wc e a invocare l’aiuto di Freddy Krueger per farsi asportare, anche in modo violento, tutto l’apparato digerente.
E’ altresì vero che siamo, come dire, più resistenti. Penso che se non fossi stata emetofobica, in questi dieci anni avrei vomitato almeno una quarantina di volte. Di certo non me ne vanto, ma nemmeno me ne dispiaccio, da un certo punto di vista fa piacere sapere di avere un potere. :D

Vi ho spaventato? Forse, ma ritengo che crogiolarsi nell’idea “Io non vomito perché sono emetofobico” sia come darsi una pugnalata su un’arteria e aspettarsi di non morire in una pozza di sangue.

Odiatemi, me lo merito. :D

No mangio, no vomito

Questa sono io: “Io non mangio mai prima di uscire, così sto tranquilla!”

Me lo dico da sola: idiota.

Sfatiamo: è ovvio che a stomaco vuoto a parte l’aria e qualche gustosissimo succo di polpa gastrico non si può vomitare altro, ma yes, si può vomitare anche a stomaco vuoto. E’ raro e per certi versi anche più pidocchiosamente fastidioso, perché proprio lo stomaco vuoto provoca a volte nausee da manuale.
Volete provare l’ebbrezza di vomitare senza aver mangiato nulla? Salite su un autobus farcito di vecchietti in rotta verso qualche paesino di montagna, uno di quelli che prima di arrivarci si fanno certe curve che l’autodromo di Imola se le sogna, poi ci incontriamo intorno al fuoco per i racconti dell’orrore. :D

Perché io continuo a sguazzare nel falso mito che a stomaco free non vomito? Perché mi rassicura prendermi in giro così. Capita, ma sto cercando di smettere.

Non ti parlo più, m’attacchi le paure

“Basta, non leggo più il forum, il blog, i libri di Giacobbo perché mi contagiano di paure”.
Sui libri di Giacobbo non ho dubbi, sul forum e il blog…mah boh.

Sfatiamo: è un fatto (e l’alert prima di questo post lo dimostra) che ci sono persone molto ricettive, cioè che assorbono paure come un mutuo si succhia l’intero stipendio. E’ capitato e capita spesso che qualcuno si allontani dal forum, dal blog e da me perché teme di essere contagiato dai nostri influssi vomitofobici. (Vi do il tempo di riderci fino a giocarvi la milza. :D)

Il mito può non essere un mito, ma deve cambiare di soggetto.
Non siamo noi che attacchiamo le paure, è chi legge ad essere influenzabile e facilmente suggestionabile, tanto da “attaccarsi” da solo determinate paranoie.

Sono dieci anni che soffro di Emetorogna, quattro che conosco nome e altre persone affette dalla stessa paura con aggiunta il terrore dei virus, eppure niente e nessuno mi ha mai contagiata in tal senso. Ne ho lette e scritte di storie a riguardo, ma non mi hanno contaminata. Quindi la paura non si attacca se non c’è una superficie collosa sulla quale potersi appiccicare.

Il virus viaggia via telefono…

“Ho telefonato alla mia amica, dice che è stata quattro giorni a vomitare: che mi ha attaccato il virus?”
Per telefono?
No, non vi sto prendendo in giro. Ho letto anche questo. Persone che erano letteralmente terrorizzate dall’idea di essersi prese il virus in situazioni in cui nemmeno il più stronzo dei batteri poteva agire.

Sfatiamo: per telefono il virus non si prende. Come non si prende se la mamma della cugina del fratello del padre del cognato del trisavoro dell’amico simpatico di quello antipatico figlio della sora Maria e del sor Amilcare ha detto che il figlio del dirimpettaio che è poi anche l’amante di Amilcare, no forse della sora Maria…vabbe’, avete capito, ha avuto il virus dieci anni fa.

Non sono qui per dare consigli, ma posso portare la mia esperienza che, ovviamente, non può essere presa come una verità assoluta. E’.Solo.La.Mia.Esperienza.
In vita mia ho avuto poche volte il virus intestinale, e quelle poche volte non ho mai vomitato, ma c’è stato sempre tanto e sfiancante squarauss. Ora, basandomi su ciò, non mi crogiolo nell’idea che il virus da vomito non mi toccherà mai, ma ho una base per fare due calcoli logici:se fino adesso il virus con me è stato clemente (clemente na seg…), è logico pensare che forse la gastrointestinale il mio corpo se la gioca così. Come ho detto non è sicuro, ma ascoltare le reazioni del proprio corpo è sempre gradito per capire come affronta determinati virus e attacchi per stare, se vogliamo, un tantino più tranquilli. ;)

E’ primavera, il virus va in letargo

“Non vedo l’ora che sia Maggio, così il virus ci lascia in pace”.

Una delle mie migliori amiche è appena uscita quattro-cinque giorni con il signor V.G., Virus Gastrointestinale.
Oggi è l’8 Luglio e me lo ha detto per telefono (:D). Devo continuare?

Sfatiamo: l’inverno non detiene i diritti d’utilizzo del virus. E’ ovviamente più facile beccarselo d’inverno, ma il signor V. G. è di base uno stacanovista e in vacanza non ci va mai. Soffre il caldo, ma è sempre disponibile per farci passare dei giorni in allegria. D’Estate poi fa comunella con la più gettonata congestione da cocomero.
Morale? Non se fugge, ma è vero che ci si può rilassare un pochino, anche se io consiglio il rilassamento permanente…da intendersi come trovare un terapista bravo e licenziare la paura definitivamente. ;)

E non ho mica finito. :D

Di miti da sfatare, da entrambi le parti, ce ne sono a badilate, ma il 15 Luglio il blog va in vacanza (mica è come il virus) fino a settembre. Quindi per ora chiudo qui la rubrica “Sfatation”. :D

Ringrazio chi mi ha suggerito le “categorie” per questo post. Lo dico così ve la prendete pure con loro.

Prima del 15 ovviamente c’è post di saluto. ;)

3 thoughts on “Sfatation 2

  1. Arquen

    “Ho telefonato alla mia amica, dice che è stata quattro giorni a vomitare: che mi ha attaccato il virus?”
    Spero stesse scherzando altrimenti tiene gli scoiattoli che usano la testa come tana. :P

    Quando non mangi però non è buono perché se ti viene da vomitare e non hai nulla da vomitare quello sforzo dura di più, lo stomaco lo stressi di più. Stessa cosa che succedeva a me.

    Stranamente invece i virus intestinali o l’influenza in generale non mi hanno mai allarmato preventivamente perché pensavo: se vomito sono giustificato. :)

  2. LaAlex

    ma com’è che a me i virus intestinali in linea di massima mi fan venire quasi sempre solo il cagotto? Vabè ok… facciamo un sondaggio… quanti solo cagotto, quanti solo vomitino e chi invece non si fa macare nulla (vomitino e cagotto)!!! :D

    Dopo ‘sta cagata mi aspetto le mazzulate della pika! :D

  3. Pikadilly

    @ Arquen
    E’ successo davvero. In quattro anni ne ho sentite e lette di cose che mi vergogno anche a riportare. :D

    Ti dirò: io non ho mai avuto nausea da stomaco vuoto e, come te, niente paura del virus, però so che molti a stomaco vuoto (tipo mia madre) hanno delle nausee che la metà bastano per far incanutire il più placido degli emetofobici. :D

    @ LaAlex
    In verità è una cosa che volevo sapere anche io. Dici che siamo sconvenienti? :D

    Io solo cagotto. :D

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>